TRE ATTI UNICI

tre-atti-unici-8
11203061_10206658085194611_3656691008464919414_n
10984244_10206658083114559_1316404653209246784_n
11014681_10206658085514619_2438202463471754552_n
11209421_10206658088714699_3849911988622653162_n
10421411_10206658098914954_8686569248510437412_n
11210492_10206658086794651_6250658890335318494_n
tre-atti-unici-6
14680_10206658097954930_8329571295959356474_n
11150772_10206658100314989_5198328149725750877_n
11233505_10206658104435092_4985082145657651196_n
11260330_10206658102875053_4949974568572412486_n
11063503_10206658104475093_8689744762527838933_n
1471204_10206658105875128_949216590731491321_n
previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow

Partendo dai tre vaudeville scritti da un Anton Cechov appena ventenne, alla fine dell’800, La domanda di matrimonio, L’orso, La Corista, attraverso una impronta registica tesa all’attualizzazione dell’autore classico, Cantiere Obraz indaga, la tematica del rapporto uomo-donna, in relazione al denaro. Fedelissimi al sentire del drammaturgo russo, l’attenzione è posta alla focalizzazione di quei temi che si associano al Cechov “maggiore”: la solitudine, le difficoltà di comunicazione, la rinuncia al desiderio, la battaglia tra i sessi. Questi temi emergono senza mai rinunciare alla sottile ironia e a quel senso del ridicolo insito nell’essere umano.
Non si può comprendere Čechov se non si comprende questa sua assoluta propensione alla facezia, alla burla, alla chiacchiera pasticciata e giocosa. Čechov è un comico. Čechov è anche un comico. Čechov è comico anche nei drammi, e lo è tanto quanto è drammatico nelle sue comiche, nelle sue vignette animate, nelle sue pantomime in un atto.
La scena è composta di tre spazi attigui che svelano finzione e, soprattutto verità, di un carosello di personaggi alle prese con le proprie fisime e manie, nella grande difficoltà di relazionarsi con altri esseri umani.

TRE ATTI UNICI di Anton Cechov

Produzione, ideazione e regia Cantiere Obraz
Con
Michela Cioni
Paolo Ciotti
Alessandra Comanducci
Thomas Harris
Talitha Medici
Pierluca Rotolo
Scenografia Thomas Harris
Costumi Marcello Ancillotti
Ufficio Stampa Pillis
Foto a cura di Corrado Frullani

 

LA PROPOSTA DI MATRIMONIO
Pierluca Rotolo: Ivan Vasilievic Lomov
Talitha Medici: Natalia Stepanovna
Paolo Ciotti: Stepan Stepanovic Ĉubokov, padre di Natalia
LA CORISTA
Talitha Medici: Paša, corista e amante di Nicolaij
Michela Cioni: Nina Kolpakov, ricca signora e moglie di Nicolaij
Paolo Ciotti: Nicolaij Petrovič Kolpakov, il marito di Nina
L’ORSO
Alessandra Comanducci: Elena Ivanovna Popova, la vedova
Pierluca Rotolo: Grigorij Stepanovich Smirnov, tenente di artiglieria
Thomas Harris: Luka, il servo