ALICE CASCHERINA

551331_10200687886743381_743299235_n
859469_10200687889503450_1153399626_o
10967_10200687893503550_40842887_n
46800_10200687892863534_593813363_n
261384_10200687893423548_409955059_n
861495_10200687893303545_461230787_o
21724_10200691151344994_348434915_n
538351_10200691156425121_501188557_n
602147_10200687886503375_412446461_n
previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow

Alice Cascherina è una bambina molto molto curiosa. La sua curiosità e la sua gioia di vivere la portano a cacciarsi sempre nei guai, infatti, cade sempre e dappertutto, ma non nel senso che inciampa: Alice cade “dentro” le cose. Durante una noiosissima giornata di pioggia, in cui non c’è proprio niente fa fare, Alice, svogliatamente, prende dallo scaffale un grosso libro di fiabe e in batter d’occhio ci cade dentro. Comincia così la sua avventura: incontrerà tutti i suoi personaggi preferiti e interverrà nelle vicende del lupo, di Cappuccetto Rosso, del Gatto con gli Stivali e molti altri. E alla fine dell’avventura potrà dire solo una cosa: “Ma come è bello leggere!”

Lo spettacolo “Alice Cascherina” ruota intorno ad un elemento scenografico centrale: un grande libro pop-up praticabile, da cui escono i personaggi delle fiabe lette dalla protagonista. Attraverso un magico e suggestivo gioco di luci, lo spazio scenico si trasforma continuamente e Alice vive, come in un sogno, molte avventure. L’elemento scenografico unito a quello musicale sottolinea l’iniziale conflitto di Alice e la sua crescita attraverso l’esperienza della lettura. Il linguaggio è semplice e attuale intervallato da momenti cantati secondo il genere RAP.

ALICE CASCHERINA
produzione Cantiere Obraz
da I racconti di Alice Cascherina di Gianni Rodari
in collaborazione con Catalyst Theatre Company
drammaturgia CANTIERE OBRAZ
con
Alessandro J. Bianchi
Michela Cioni
Paolo Ciotti
Alessandra Comanducci
Camilla Pieri
Carlo Salvador

scenografie Lorenzo Brinati, Francesca Vitale